Chi gufa? Lo sfigato

Gufare v. intr. [der. di gufo] (aus. avere), gerg. – [nel linguaggio giovanile, essere causa di sfortuna: come gufa, quello] ≈ fare l’uccello di malaugurio, iellare, portare iella, (pop.) portare sfiga (o, fam., sfortuna).

Ma chi gufa?

Sfigato agg. [der. di figa, variante settentr. (ma largamente diffusa) di fica, col pref. s- (nel sign. 4); è più prob. che sfiga sia tratto da sfigato, che non viceversa]. – Nel linguaggio giovanile, sfortunato, iellato (anche con riferimento non a circostanze occasionali, ma a condizioni sociali, economiche e sim.): sono sempre stato s.; e con uso sostantivato: non è facile trovare uno s. (o una s.) come te; anche, privo di attrattive, di fascino, insignificante: non portarti dietro la solita amica s.; mi ha invitato in un localetto davvero sfigato.

iRoby

 

Pedita totale di dignità

Non solo di credibilità ma soprattutto di dignità.

Grazie al Premier Arlecchino Conte da oggi gli italiani hanno perso quel briciolo di dignità che erano riusciti a conservare nonostante i politici che da anni li rappresentano.

Abbiamo toccato il fondo e, grazie al Premier signor nessuno Conte, non abbiamo neanche più l’opzione di cominciare a scavare.

iRoby

 

 

Lo scontato

Come definirlo?

Mister N (no one)

Il Burattino

L’Arlecchino (servitore di due padroni)

Il Coniglio dal ruggito flebile

Potrei continuare per ore.

Purtroppo stiamo parlando dell’imbarazzante Primo Ministro della Repubblica Italiana.

Un surreale pungiball in carne e ossa disponibile ad assorbire ogni umiliazione pur di rimanere sotto i riflettori della notorietà.

La sua totale ed assoluta mancanza di dignità apre la strada ad ogni surreale ipotesi di perdita di credibilità degli italiani.

Buffoni e burattini, nell’immaginario internazionale.

iRoby

SI TAV

Senza se, senza ma e senza forse.

Non voterò alle prossime elezioni regionali ed europee nessun partito o movimento che metta in discussione o che ostacoli il completamento del TAV.

Non voterò neanche a favore dei fiancheggiatori dei NO TAV.

Anzi, per pura ritorsione voterò a favore di chi si dichiarerà pro TAV.

Anche se non ne condividerò il resto del programma elettorale.

Il TAV per me è lo spartiacque tra passato e futuro, tra oscurantismo e modernità, tra ideologia e pragmatismo, tra assistenzialismo e sviluppo.

Il faccione, come sempre, è il mio.

iRoby