Esci i soldi

Il ministro “tuorloduovooliodolivasalepepeeunpodisenape” ha intimato ad un “ministrodiversamenteserio” del suo governo di uscire i soldi in modo che lui, il ministro “salsaperlatrotalessa” possa onorare le sue promesse da voto di scambio fatte al sud in campagna elettorale e sottoscritte nel così detto contratto di governo.

Il ministro “piùbellaepiùonestachetria” non soccombe ad un moto di orgoglio e rimane li.

A fare cosa?

A stampare carta moneta?

A taroccare gli equilibri di bilancio?

Questo non è dato di sapersi.

Al momento.

Dai social l’ardua sentenza.

iRoby

Il contratto non sostenibile

Ovvero il contratto del non governo.

In un bilancio economico finanziario domina la metafora della somma zero.

Tutto è possibile a patto che quello che si somma sia bilanciato da quello che si sottrae.

I contraenti del contratto quando lo hanno sottoscritto non ne hanno tenuto conto.


La materia (le risorse finanziarie) è quella, nulla si crea (ad esempio il reddito di cittadinana) e nulla si distrugge (ad esempio la riduzione del gettito fiscale conseguenza della flat tax) ma eventualmente tutto si trasforma (riduzione del gettito fiscale compensato da una minore spesa pubblica).

Ogni altra considerazione è da Bar Sport.

iRoby

Like a kangaroo 12

Lascio Las Vegas, non senza che la mente continui a ricordare il grande Amico Rodolfo, per prepararmi ad iniziare il viaggio nel viaggio.

Si, perché le Hawaii non possono essere che considerate un viaggio nel viaggio, un segmento all’interno di un segmento più lungo.

Trenta giorni di cui dieci, verrebbe da dire.

IMG_0776

Infatti c’è una valigia nella valigia per questo viaggio nel viaggio di questa vacanza nella vacanza.

E poi meno dodici ore di fuso orario non possono essere considerate un particolare irrilevante.

Oggi però ancora a zonzo per la California, uno Stato nello Stato, tanto per dire.

iRoby

Ritorno alle origini

Apparentemente distrattamente e quasi di nascosto mi sto occupando di web, di internet, di social media.

Di passaggio tra gli uffici.

Dietro le quinte.

Come un vecchio saggio.

Solo qualche battuta, senza che sembri un suggerimento.

557069_10201854247346722_951538995_n

Ricordo a me stesso che correva l’anno che iniziava con 19xx quando …

Insomma.

Quando la PA ha scoperto il digitale io c’ero.

E non ero una comparsa.

Senza falsa e ipocrita modestia almeno sceneggiatore e registra.

Purtroppo i produttori hanno deluso.

iRoby

Bicameralismo digitale

Mentre il popolo italiano è chiamato il quattro dicembre prossimo, tra l’altro, ad esprimersi sul superamento del bicameralismo perfetto – o simmetrico – attraverso un referendum costituzionale, il Belpaese si dirige macchine avanti tutta verso il bicameralismo digitale simmetrico e perfetto.

Sono un momentaneamente un pochettino più distante del solito dal tema della digital agenda, ma non sicuramente disattento o distratto.

img_8841

Come non dare una lettura in questo senso della contestuale presenza del Team Digitale di Diego Piacentini e dell’Agenzia per l’Italia Digitale di Antonio Samaritani?

Si potrebbe scrivere un libro dal titolo “Il Commissario e il Direttore, fuori i secondi”, ad avere un pochettino di fantasia.

iRoby

Il potere delle infografiche

Propongo una infografica, che mi ha colpito molto quando nei giorni scorsi ero in Nord America, perché descrive chiaramente una realtà che alcuni politici e amministratori interpretano in maniera nettamente diversa.

Copia di IMG_8650

Sia in termini di situazione attuale che di prospettiva.

Prima di parlare occorre leggere, approfondite, studiare e capire.

iRoby

La nave non va

O perlomeno non vola sulle onde con il vento in poppa ma piuttosto arranca di bolina.

Per cortesia nessuna intenda poppa come una battuta sessista, grazie. NdR.

Si legge in queste ore di battuta di arresto della economia italiana e di indebolimento del così detto “effettorenzi“.

A me sembra naturale rispolverare qualche nozione sul ruolo della aspettative – in economia – e sulle profezie che sia auto avverano.

Strategie da maneggiare con cura, così come le politiche di stop and go, perché non necessariamente consentono di raggiungere i risultati attesi.

Copia di foto-95

Come disse un mio saggio e caro Amico a suo padre entusiasta il giorno in cui si iscrisse ad ingegneria, “non è oggi che dobbiamo festeggiare ma piuttosto il giorno della mia laurea“.

Mi sembra che prima il Presidente Berlusconi ed adesso il Presidente Renzi abbiano festeggiato con troppo largo anticipo solo per aver iniziato a mettere in atto delle politiche economiche, senza attendere di poterne valutare almeno il primo step del loro esito.

iRoby

Competition is competition

La FCA, gli Agnelli o quello che ora è della storica Fabbrica Italiana Automobili Torino lascia fiscalmente l’Italia, la Regione Piemonte e la Città di Torino.

Non mi unisco alle grida di dolore.

Competition is competition.

E l’Italia, la  Regione Piemonte e la Città di Torino non sono oggi fiscalmente attrattivi.

Quindi chi deve competere su un mercato globale saluta e se ne va.

Copia di FullSizeRender-17

Mi hanno insegnato che il tasso di interesse che occorre che mi assicuri la mia banca deve essere almeno sufficiente a ripagarmi del consumo delle suole delle scarpe consumato per portare il capitale alla filiale più vicina.

Apprendo ora che i tassi di interesse sui depositi stanno diventando negativi.

La gratitudine non è una variabile utilizzabile in economia.

In un mondo globalizzato sopravvive solo chi comprende e si adegua al cambiamento.

iRoby

Avete scherzato! State scherzando?

Gli inglesi stanno firmando una ridicola petizione on line per cambiare le regole del referendum e tornare al voto per il brexit.

Pare si chiedano attoniti: “Cosa abbiamo fatto?”.

Anche i politici inglesi sostenitori del brexit iniziano avere qualche palese preoccupazione.

Ci dispiace tanto ma non si può rigiocare una finale di Champions League persa invocando che si cambi la regola dei rigori e si debba giocare ad oltranza.

Nel calcio c’è solo il precedente dell’inter, che si fa vanto di scudetti mai vinti. NdR

Copia di IMG_5203

Per cortesia nessun ripensamento, un po’ di dignità, suvvia.

E poi la speculazione sui mercato è irreversibile, quindi non si torna indietro.

Dispiace, ma è andata così e adesso fora di ball.

A cominciare – e subito, domani mattina – con le dimissioni dei deputati europei e del Commissario inglese.

Non si tratta di essere offesi o ancora peggio di una ritorsione, semplicemente avete deciso di abbandonare una casa e quindi non potete più presentarvi all’assemblea di condominio oppure a mangiare la minestra a cena.

Bay, bay …

iRoby

Brainxit

Gli inglesi si sono fatti una domanda, si sono dati una risposta e adesso – come è solito dire in questi casi – fuori dalle balls.

Integrando in mio post di ieri sera, auspico, da europeo per cooptazione e tiepido europeista, che non ci siano sconti, compromessi e tentennamenti.

12919919_10209165056912392_2048435830111305676_n

Per prima cosa elaboriamo velocemente il lutto focalizzandoci sul fatto che non è uscita l’Europa dalla Gran Bretagna ma il contrario, che i problemi più grossi li avranno loro e non noi e che da adesso in avanti ci saremo noi e loro.

Ricordiamoci poi che loro non sono mai completamente entrati nell’Unione Europea, mantenendo moneta, sistema metrico e senso di marcia diversi.

Ultima considerazione, i giovani inglesi volevano rimanere – vedevano nell’Unione una opportunità -, sulla loro opinione ha prevalso il rantolo dei vecchi e delle loro rendite di posizione.

Questa è andata – e questi, loro, se ne sono andati -, teniamone conto, facciamone prezioso tesoro, per il futuro e per le scelte future.

iRoby