Piccole soddisfazioni, piccoli passi

PROGETTO “EX-CASERMA ‘PASSALACQUA’” VINCITORE DEL PREMIO “PA SOSTENIBILE”

<<Un riconoscimento di indiscusso prestigio, che premia il lavoro del nostro Ente all’interno di un progetto che, negli ultimi mesi, ha consentito di trasformare la ex-caserma “Passalacqua”, divenuta oggi un vero e proprio laboratorio sociale nel quale convivono, in costante osmosi, numerose realtà che si muovono tutte insieme nella direzione dell’innovazione sociale>>.

Il Direttore generale del Comune Roberto Moriondo rimarca con soddisfazione la notizia che, nella giornata di ieri, a Roma, il progetto “Ex-caserma Passalacqua: un hub di innovazione sociale” dell’assessorato alle Politiche sociali è stato ufficialmente inserito tra i vincitori della seconda edizione del Premio “PA sostenibile – 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”, quest’anno dedicato alla responsabile dell’Agenda digitale regionale e Internet governance per la Regione Lazio Antonella Giulia Pizzaleo, scomparsa il 7 gennaio scorso.

Il Comune di Novara è stato rappresentato in questa sede dal Dirigente dei Servizi sociali Patrizia Spina e dall’educatore Davide Ricordi, che hanno, tra l’altro, partecipato al convegno sul tema “Promuovere l’innovazione sostenibile, orientare il mercato: un nuovo ruolo del government”, organizzato per l’occasione.

<<Il Forum PA – spiega il dottor Moriondo – ha premiato progetti e soluzioni, proposti da Enti pubblici, Istituzioni e aziende che guardano a un futuro migliore attraverso specifici progetti che sono stati suddivisi in sette ambiti tematici. Quello del nostro Comune ha concorso nell’ambito “Città, infrastrutture e capitale sociale”. Gli organizzatori del premio hanno evidentemente apprezzato l’idea di utilizzare gli spazi dell’ex-caserma “Passalacqua”, un bene comune recentemente tornato a disposizione dei Novaresi, in un centro di aggregazione nel quale diverse realtà partner dei nostri Servizi sociali mettono in atto azioni di coesione sociale con quattro specifici obiettivi: la promozione del processo di rigenerazione urbana dell’ex-caserma in un luogo di creatività e conoscenza, la creazione di nuovi spazi a favore di giovani per intraprendere percorsi di crescita e di responsabilizzazione sociale, la promozione della nascita di una vera e propria “comunità educante” e l’incentivazione tra i giovani dei legami con il territorio e con la propria città. In questi mesi  l’ex-caserma è già stata teatro di azioni a favore dei soggetti deboli, con iniziative di aiuto scolastico, sportelli di sostegno e ascolto, attività riservate ai soggetti diversamente abili. Nel contempo– aggiunge il dottor Moriondo – sono stati organizzati momenti di tirocinio , laboratori, esperienze di servizio civile estese anche ai soggetti più fragili per rafforzare le competenze, con specifiche iniziative di formazione come, per esempio, i seminari sulla digitalizzazione e i corsi organizzati in collaborazione con il consorzio Top-IX. A queste iniziative  si aggiungono anche quelle che possono accrescere il benessere dei giovani e dell’intera cittadinanza, con l’organizzazione di momenti di svago, performance, mostre e concerti: anche questi sono percorsi di crescita efficaci verso la responsabilizzazione del cittadino del presente e del futuro. Si tratta di occasioni perché tutti, in diversi modi, si possano sentire protagonisti della propria città: questo è, appunto, il senso del nostro “hub sociale”, un luogo recuperato e restituito alla città nel quale i nuovi spazi ospitano attraverso momenti inclusivi, di condivisione e di benessere sociale. Proprio il benessere sociale – ricorda infine il dottor Moriondo – è uno dei principali obiettivi dell’Agenda 2030 ed è alla luce di ciò che il Premio PA ha riconosciuto la qualità del progetto dell’Amministrazione novarese rispetto alla volontà di rendere sempre più viva la città, recuperandone gli spazi pubblici e mettendoli a disposizione dei cittadini, affinché le realtà locali, vero capitale sociale, possano concretizzare le proprie azioni a vantaggio dell’intera comunità novarese>>.

IL COMUNE DI NOVARA PREMIATO NEL PROGRAMMA “WI-FI4EU” DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Un secondo premio in due giorni per il Comune di Novara: ieri, giovedì 16 maggio, è stata infatti comunicata, da parte della Consulta per l’innovazione dell’Anci Piemonte la vittoria della seconda call del programma “Wi-fi4Eu” riservato a organismi della Pubblica Amministrazione e indetto dal settore Politiche, informazione e servizi della Commissione europea, <<con  valutazione – spiega il Direttore generale Roberto Moriondo –  l’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti, organo esecutivo della Commissione incaricata dell’attuazione dello stesso programma. Novara rientra tra i cinquecentodieci Comuni italiani e i tremilaquattrocento partecipanti a livello europeo (in tutto diecimila, ndr) che si sono aggiudicati il voucher da 15.000 euro in questa seconda fase. La cifra, secondo quanto previsto dal programma della Commissione europea, sarà destinata a integrazione del progetto di Smart City di Novara con la creazione di punti di connessione wi-fi gratuiti negli spazi pubblici che stiamo definendo, appunto, sulla base delle iniziative di digitalizzazione dei servizi della città già intraprese da parte dell’Ente>>.

#Innovazione&Digitale

In questi giorni ho dovuto e potuto occuparmi dei miei grandi amori professionali: innovazione e digitale.

Non ho potuto farlo per il tempo che serviva e probabilmente sono un pochettino arrugginito, però alla fine il risultato è stato discreto.

Ogni ipotesi di innovazione in Italia determina il turbare equilibri consolidati e rendite di posizione acquisite, quindi le resistenze sono tante e ben sponsorizzate.

La transizione al digitale di una Città nel Belpaese è un monumental task, dovendo applicare le stesse regole pensate par acquistare penna e calamaio.

Non diverso l’utilizzo dei fondi strutturali europei, il vecchio Continente morirà soffocato dal coacervo di regole bizantine che lo attanagliano.

Però ho scelto di lavorare nella pubblica amministrazione e ho assunto l’impegno di dare il mio contributo per cambiarla in meglio.

Quindi bene così e Smart City sia.

iRoby

La Nuvola e l’Innovazione

Oggi ho avuto l’opportunità di apprezzare l’ennesima, quasi trentennale, edizione di FORUM PA.

Non posso che complimentarmi ancora una volta con Carlo, Gianni, Antonio e tutti gli altri Amici di FORUM PA per la loro innata capacità di innovare un evento di successo, trasformandolo ogni anno in una tappa innovativa di un percorso fondamentale per la trasformazione giudiziosa e consapevole del nostro stravagante Paese.

Grazie Amici e ad maiora.

iRoby

Esiste

Esiste una linea di demarcazione tra l’ironia e l’insulto ed è delineata della penna del buonsenso e dall’inchiostro del buongusto.

Non nutro particolare simpatia politica nei confronti di Laura Boldrini, Presidente, permettetemi, della Camera dei Deputati e di conseguenza terza carica dello Stato.

Altrettanto non mi è particolarmente simpatica la Signora Laura Boldrini.

Ma non mi permetterei mai di insultarla, nella veste di politico e di persona.

Copia di foto-98

Bene ha fatto a ribellarsi agli insulti sulla rete e a chiedere che sia fermato e punito chi esagera.

Anche nel web l’educazione non è di troppo.

iRoby

 

Sapere comunicare, provare a comunicare

Intorno alle 13,30 si è bloccata la connessione a internet, su rete fissa, e, mi sono accorto dopo, ha smesso di funzionare il telefono di casa.

Ho fatto nell’ordine le cose che di solito si fanno in questi casi.

Riavviato il notebook, spento e riacceso il modem, verificato che i gatti non avessero disconnesso qualche cavo di rete.

Dopo mezzora ho provato inutilmente a mettermi in contatto telefonicamente con il gestore, la TIM.

Il 187 risultava irraggiungibile.

Usando il tablet ed il palmare ho scoperto da altri utenti che il problema era generalizzato e che si stava verificando in tutto il Paese.

11866292_10207440683204127_6321770487721323602_n

Nessuna critica a TIM per il problema e per il disservizio, capita.

Ma usare il sito istituzionale ed i profili sui social per avvertire i clienti?

Se so che il problema non è legato alla mia connessione e alla mia linea non perdo tempo a chiamare il 187 e probabilmente non contribuisco a intasare, rendendolo irraggiungibile, il servizio.

Bastavano un tweet ed un post per fare una figura migliore.

iRoby

Il represso, le pattine ed i post

Cresce il popolo dei repressi nella vita reale – quelli delle pattine di ordinanza – che danno sfogo alle trombe sui social network.

Naturalmente il represso non agisce sul proprio profilo – infatti egli è caratterizzato da una personalità fragile ed una identità sfumata – ma predilige commentare i post altrui.

L’obiettivo è fare la voce grossa con il VIP di turno – il personaggio famoso della giornata – arrivando fino all’insulto – sessista se si tratta di una donna – più volgare e feroce.

pattine-pavimento-con-fettuccia-lavabili-colori-fantasie-assortite-misura-unica-P-396180-1508085_3

Auspico che prima o poi qualche personaggio famoso vada a vedere il gioco.

Tipo che si presenti sotto casa del represso, suoni il campanello e chieda con fermezza spiegazione.

Sai le risate vedere il represso balbettare delle scuse mentre si muove goffamente sulle pattine?

iRoby

Il simpatico Duo

Beppe Servergnini e Diego Piacentini dalla Lilli Gruber.

Ed il cielo del Belpaese è sempre più … digitale.

Si parla persino di cose concrete.

L’ANAGRAFE!!!

16998883_10210284404803917_591397076445257454_n

Ma abbiamo voglia di parlarne seriamente?

Per esempio con i comuni?

Ma abbiamo voglia di parlare del ruolo del Poligrafico dello Stato?

Argomento trascurato rispetto alle piattaforme abilitanti.

E poi l’enfasi sulle venti persone venti che cambieranno i destini dell’Italia.

Le competenze … introdotte.

Ma fatemi il piacere.

iRoby

La sottile uguaglianza

Il figlio del fondatore del Movimento 5 Stelle, Davide Casaleggio, nel ruolo di una sorta di discendenza monarchica segna, in una lettera intervista al Corriere della Sera, la differenza tra la vecchia politica, la partitocrazia, e quella che lui definisce una nuova forza politica.

Messaggio chiaro, netto, inequivocabile.

Blockbuster Vs Netflix

Il focus non è quindi sul contenuto, il film, ma lo strumento di veicolazione e di fruizione del contenuto.

Tra Blockbuster e Netflix, se ci pensate bene, le differenze non sono molte, se non di carattere tecnologico.

copia-di-img_8975

Sono due strumenti di pay per wiev che consentono di vedere in modalità asincrona e non broadcast un contenuto di natura cinematografica.

Quindi.

Vecchia Politica Vs Nuova Politica

E non movimento.

Strumento di Comunicazione Vs Piattaforma di Comunicazione

Non importa cosa ti dico ma la modalità con cui te lo dico.

Una sottile linea trasparente ed invisibile in cui è facile fare inciampare la democrazia.

iRoby