BUL

A volte è inutile mettersi a scrivere qualcosa di sensato quando qualcun altro lo ha fatto prima di noi e bene.

In questo caso molto bene.

Riporto volentieri l’ottimo articolo del Professor Alfonso Fuggetta sulla utilità della banda larga e ultra larga e sulle strategie da perseguite per la sua diffusione.

#BUL

3208_1125476505979_3635619_n

Lo faccio perché ancora in questi giorni c’è in giro gente che si interroga sulla utilità dalla banda larga e ultra larga in particolare nelle aree meno densamente popolate e frequentate.

Questa volta i my two cents consistono nel segnalare un ottimo e recente articolo.

iRoby

 

Assenti ingiustificati

Secondo il sondaggio sulla qualità della vita nelle principali città del Mondo, annualmente realizzato dalla rivista Monocle, e riportato in Italia dall’Uffington post, il Bel Paese non è presente nelle prime dieci posizioni, anzi undici, visto che in coda c’è un ex aequo.

Nell’ordine Tokyo, Vienna, Berlino, Melbourne, Sydney, Stoccolma, Vancouver, Helsinki, Monaco (di Baviera), Zurigo e Copenhagen i posti dove si vive meglio.

dislikeemoticon

Questo sondaggio fa il paio con quello sulla qualità della vita nelle diverse nazioni del Mondo che ho ripotato qualche settimana fa secondo il quale l’Italia si colloca solo al ventitreesimo posto.

Chissà se c’è una qualche correlazione con la nostra bassa propensione a comprendere, maneggiare ed utilizzare tecnologie digitali?

iRoby

Il silenzio assordante

Non si sente più parlare di crescita digitale, di banda ultra larga, di ecosistema digitale.

Bene potrebbe pensare qualche inguaribile ottimista.

Finalmente si è passati dalle parole ai fatti.

Siamo alla fine gioiosamente immersi nel tempo dell’execution.

3208_1125476505979_3635619_n

Purtroppo non è così.

Il silenzio assordante è anche il segno che nessun cantiere è aperto, nessun operaio è al lavoro, nessun mezzo è in movimento.

Siamo allo stallo perfetto.

Moriremo analogici.

O forse moriremo di analogico.

E non abbiamo neanche più voglia di parlarne e di scriverne.

iRoby

La penna

Oggi, per questioni di lavoro e personali, ho dovuto usare tantissimo la penna.

Quella cosa arcaica che serve a scrivere sulla carta.

E poi dovrò andare in tabaccheria per comprare una marca da bollo, una busta e dei francobolli.

10177436_10152759849463982_6711068802859368779_n

Tutto questo non per mia libera e – magari visto che sono iRoby – stravagante scelta, ma soltanto perché l’opzione digitale non era prevista e contemplata.

Altro che digital first.

Altro che ecosistema digitale.

iRoby