C’è poco da starete ‘allegri’ -24SA-

Gestire una rubrica sul Blog che si occupa del Campionato di calcio sta diventando sempre più difficile e penso che l’anno prossimo lascerò perdere.

Tra anticipi al venerdì e posticipi al lunedì, partite rinviate per la pioggia e altre per il fallimento di di una società di calcio si rischia di parlare sempre e solo di Juve e Roma.

A proposito delle suddette mi sembra che si posa dire che giocano tutte e due abbastanza male ma che la prima è fortunata e la seconda no.

Siccome però penso che le cose non sia solo dovute al caso ribadisco che quest’anno il Sergente Garcia le ha sbagliate proprio tutte.

10196625-55ea-4937-bb26-754498b72025_large_p

Dall’annuncio dello scudetto già vinto in partenza, prima di cominciare a giocare, al continuo piagnisteo contro gli arbitri.

Dietro, non potendo parlare di otto squadre otto che non hanno ancora giocato, mi sono divertito con Lazio – Palermo, due belle realtà della terra di mezzo, e sembra che il carburatorista Ventura abbia trovato la fasatura.

Respira Pippo, scivola il Cesena, in agonia il Parma.

iGobbo

C’è poco da starete ‘allegri’ -23SA-

Per adesso la giornata più brutta del Campionato.

Non tanto perché le prime tre hanno fatto solo due punti, ma piuttosto come li hanno fatti.

La Capolista si è addirittura appellata al campo sintetico.

lost_emoticon

Cose che non si possono vedere.

Come la Rometta con gli arbitri …

Come Benitez con il Fato …

Per questa settimana va bene così.

iGobbo

C’è poco da starete ‘allegri’ -22SA-

Non posso che iniziare facendo riferimento alla monumentale figura da cioccolataio di Zio Fester, al secolo Adriano Galliani.

La Juventus ha vinto con merito contro una versione dignitosa di un Milan più o meno allo sbando.

10196625-55ea-4937-bb26-754498b72025_large_p

Non ho capito il motivo per cui il pelatone ha voluto coprirsi di ridicolo.

Dietro la Capolista hanno vinto bene e facile la Roma, il Napoli e (meno facile) la Fiorentina.

La Lazio gioca domani con il Genoa mentre a Parma regna il caos più totale.

Ma mia seconda squadra, il Sassuolo, continua a darmi grandi soddisfazioni mentre i cuginetti si godono una buona striscia positiva.

Non mi sembra che ci sia molto altro da dite questa settimana.

iGobbo

C’è poco da starete ‘allegri’ -21SA-

La Capolista non ha approfittato del mezzo scivolone casalingo della Roma in casa con l’Empoli ma, a pensarci bene, ci sarebbe stato da metterci la firma a rimanere a più sette dopo questa giornata di campionato.

I Giallorossi devono seriamente iniziare a guardarsi alle spalle perché il Napoli macina punti e sta puntando al secondo posto.

Se la Juve non avesse vinto qualche settimana fa al San Paolo probabilmente il Ciuccio avrebbe ancora ambizioni di scudetto.

Il ritorno di Matri e non quello di Osvaldo in bianconero è in linea con le consuete stupidaggini di ‘marmotta’.

10659233_10152738085408982_7236158379629944118_n

Ma fatemi scrivere del Sassuolo, che sembra un piccola Juve di Conte e che non smette di sorprendere e di giocare un calcio spettacolare e al tempo stesso molto concreto.

L’inter frana verso il fondo classifica e Mancini non può che pentirsi di essersi fatto immischiare in una avventura che si è trasformata ben presto in un incubo.

Il Parma regala generosamente i tre punti ad un Milan ancora convalescente ma che potrebbe fare un buon girone di ritorno.

Tra il Presidente Ferrero e Mihajlovic sembra essersi rotto qualcosa, probabilmente per la campagna acquisti invernale, e la Sampdoria ne risente visibilmente.

Ne ha approfittato il Toro di Quagliarella dove ha segnato persino Amauri.

Bene il Palermo e male la Lazio, tutto il resto ha solo annoiato.

iGobbo

C’è poco da starete ‘allegri’ -20SA-

Chi dice che i campioni non servono è stato smentito ancora una volta in maniera indiscutibile.

La Juventus ha giocato contro il Chievo una delle partite più anonime e lente del campionato e una delle meno intense allo Stadium.

Però un campione in campo per i bianconeri c’era – Paul Pogba – e questo ha deciso la partita con due prodezze pazzesche, per usare il linguaggio dei telecronisti.

La Roma ha portato a casa un punto pesante pareggiando a casa dei viola ma questa sera potrebbe essere a solo +6 dal Napoli …

Disastrose le milanesi che mi ricordano per certi versi la Juventus di Topo Gigio Del Neri.

Brava la Lazio contro un Milan di burro, fortunato il Toro contro un inter che non si merita sicuramente un allenatore della caratura di Mancini che predica nel deserto.

La Sampdoria dei grandi acquisti e dal Presidente frizzante non riesce a battere in casa un sempre ottimo Palermo, di cui parlo bene da tempi non sospetti.

Wrong

Un appunto.

Cosa sarebbe successo se avessero negato un gol solare come quello del Palermo contro i dominai a una qualsivoglia avversaria della Juve o alla Roma contro una qualsiasi avversaria?

Quante interrogazioni parlamentari sarebbero fioccate?

NdR

La nuova vittoria del Cagliari contro il Sassuolo dimostra che è meglio avere un allenatore in panchina piuttosto che zeman …

Il Verona ha smaltito la grandinata di reti subita in due partite contro la Juventus battendo l’Atalanta che aveva ancora la testa a San Siro.

Il Parma ha perso anche in casa contro il Cesena che quest’anno ha vinto solo una altra partita, quella appunto contro in Parma alla prima giornata.

Le partite che mancano si giocheranno lunedì sera …

iGobbo

C’è poco da starete ‘allegri’ -19SA-

La Capolista …

Ha fatto la Capolista …

La Roma ha portato a casa la pelle pareggiando su di un campo sempre più impegnativo.

Bravo il Palermo e bravo soprattutto Iachini che ha resistito alle ire funesti di Zamperini.

Il Napoli modello chiagni e fotti ha sbancato abbastanza immeritatamente l’Olimpico dove la Lazio meritava almeno un pareggio.

Benitez in settimana è stato patetico.

10196625-55ea-4937-bb26-754498b72025_large_p

Benino ma fortunata la Fiorentina a Verona dove il Chievo poteva tranquillamente pareggiare se non vincere.

Male l’inter che non va oltre il pareggio sul campo dell’Empoli, malissimo il Milan che perde in casa con l’Atalanta, che non ha rubato nulla.

Inzaghi semti il fiato sul collo di Sacchi e i giocatori sentono già l’odore del sangue dell’allenatore.

Spettacolare Genova – Sassuolo con gli emiliani sempre più squadra rivelazione dell’anno.

Bye, bye Verona e Cesena che perdono in casa meritatamente con Sampdoria e Torino.

Il Cagliari prova a rimanere agganciato alla massima serio e dopo essersi sbarazzato con grave ritardo di zeman.

L’Udinese ha buttato via nel girone di andata una quantità impressionante di punti.

iGobbo

C’è poco da starete ‘allegri’ -18SA-

Bellissime reti in questa frizzante giornata di campionato, la più bella sicuramente quella di Totti che è ancora fantastico quando gioca a pallone, molto meno, come sempre, quando parla di calcio.

KijeqpXiq

la Juventus ha commesso gli stessi errori delle ultime settimane con la differenza che è stata fortunata come contro il Toro e non sfortunata come contro inter e Samp.

Non servono a mio avviso rinforzi fasulli ma recuperare qualche infortunato e la concentrazione degli anni scorsi.

La Roma è meno forte dello scorso campionato e potrà aspiare a vincere il titolo solo se ci sarà un crollo dei Campioni.

Il Napoli si lamenta ingiustamente dimostrando di essere potenzialmente  una grande squadra ma in realtà un piccola società.

A corrente alternata le genovesi è pessimo il Milan contro un Toro debole strutturalmente.

Spettacolo tra Fiorentina e Palermo la con delle diverse da film comico.

Continua lo splendido campionato del Sassuolo.

Per il resto il cammino verso l’anonimato e la serie B sembra sempre più tracciato.

iGobbo

C’è poco da stare ‘allegri’ -17SA-

Il tema non è se il pallone sul gol fantasma di Astori era entrato o meno – cosa difficilissima da valutare – ma piuttosto sul monumentale rigore non concesso all’Udinese, sul monumentale rigore non concesso alla Juventus e su un altro paio di episodi molto dubbi nell’area dell’inter che potevano esser punibili con il calcio di rigore e non, per esempio, con una surreale ammonizione per simulazione.

Sdoganato il tema degli errori arbitrali – che a parti invertite avrebbe determinato la consueta e ridicola interrogazione parlamentare – proviamo a parlare di calcio.

9TRRyLEdc

Da qualche settimana la Juventus di Allegri mi ricorda quella di Ancelotti, bella ma diversamente vincente.

Bellissima ed aggressiva per larga parte della gara – Torino, Sampdoria, Napoli, inter – ma incapace di chiudere la partita e disastrosa quando subisce un occasionale e inaspettato pareggio a causa di inspiegabili distrazioni.

Cinica e aiutatissima la Roma che la prossima settimana potrebbe essere da sola in testa al campionato.

Dietro c’è il baratro e l’unica squadra che continua a sorprendere e a divertire è il Sassuolo.

Questa settimana bene Lazio, Napoli e Palermo – sorprendenti e belli da vedere per il momento anche i siciliani – mentre le genovesi sembrano prossime a rientrare nei ranghi.

Per il resto, a parte del tonfo del Milan, nulla da segnalare.

Cagliari, Cesena e Parma sembrano staccarsi inesorabilmente verso la serie minore.

iGobbo

Basta ipocrisia

In queste ore pre natalizie il mio Amico Sergio Duretti ha scritto un post su Facebook ispirato vagamente da Edmondo De Amicis, e in linea con lo stile del libro Cuore, sull’episodio che ha visto dei tifosi del toro insultare Gianluca Pessotto a margine di un derby primavera.

Non condivido una sola virgola del post dell’Amico Sergio.

del-piero-numero-dieci-juventus-palle-di-cuoio

Per prima cosa per me è importante che i ragazzi della Juventus abbiano ancora una volta vinto sul campo la partita.

A Gianluca Pessotto, campione sul campo e nella vita che ha brillantemente superato un drammatico momento di grande difficoltà, gli insulti e il disprezzo dei tifosi del toro non possono che fare onore.

Essere Juventino è una scelta di vita che richiede la consapevolezza e la serenità d’animo di essere offeso e disprezzato per tutta la vita da chi è perdente e frustrato.

Da Juventino me ne fotto del rispetto degli avversari e non invoco nessun tipo di tutela e tantomeno l’intervento della giustizia, sportiva o meno.

Mi interessa sempre e solo continuare a vincere.

Questa è l’unica cosa che conta e che, tra l’altro, onora i nostri morti, tra tutti quelli dell’Heysel.

Forza Juve.

iGobbo

C’è poco da stare ‘allegri’ -16SA-

La Juventus ha affondato come nel burro i suoi fendenti contro un Cagliari che è stato messo in campo da zeman in maniera demenziale.

Il boemo continua a godere del riconoscimento di una autorevolezza fittizia basata sul personaggio e non sulla competenza.

Copia di foto-51

Dietro frenano tutte tranne il Napoli: Roma, Genoa, Sampdoria, Lazio, Milan, Fiorentina, Udinese, Palermo e inter …

Bene per la Juve.

Garcia ormai vede solo più complotti e vive in un mondo tutto suo, una sorta di campionato parallelo dove accadono fatti che non trovano riscontro nella realtà.

In fondo il Parma sembra poter battere ogni primato negativo.

iGobbo