Da che pulpito

Il professor Luciano Canfora battezza come fascistoidi alcuni componenti dell’attuale governo, eletto, mi risulta, con regole democratiche ed ai quali io stesso non risparmio quelle che ritengo legittimi critiche.

Siamo, come di consueto a OTTO E MEZZO, su LA7, dalla Lilli Gruber.

Poi, giocando con le parole, spiega la distinzione tra fascista e fascistoide, probabilmente per evitarsi qualche querela.

Di sicuro il professore può essere definito comunista, senza pericolo di querele, e non comunistoide, visto che è stato candidato per le elezioni europee del 1999 nella lista dei Comunisti Italiani nella circoscrizione dell’Italia Nord Occidentale, in quella Centrale e in quella Meridionale, senza risultare eletto.

Nel caso, se pensate di citarmi, vi ricordo che sono un laico e liberale e non un laicoide e libaraloide

iRoby


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*