Giuseppi, Giuseppi

Fin dal momento in cui sei apparso nel panorama politico italiano mi sei stato simpatico come l’ortica nelle mutande.

Prima Arlecchino servitore di due padroni, poi Azzeccagarbugli ed infine novello Napoleone.

Il solo vederti mi provoca fastidio, il solo sentirti irritazione, il solo leggerti repulsione.

Anche oggi non hai perso occasione per palesare la tua arroganza e il tuo distacco dalla realtà.

Purtroppo la pochezza della classe dirigente del Paese ti ha portato in primo piano.

Spero, per il bene del Paese, per un tempo limitato.

iRoby


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*