Gradisce un caffé?

No, grazie.

Di solito dico: si, grazie.

Ma se le condizioni dovessero essere queste …

“Nero d’avorio: nero come il caffè, d’avorio perchè viene dagli elefanti. Il Nero d’avorio è un tipo di caffè ed è il risultato della ricerca congiunta tra un imprenditore canadese e alcune torrefazioni in Thailandia, luogo dove si può gustare il bizzarro nettare. I chicchi del caffè vengono trattati dagli elefanti in modo alquanto particolare prima di diventare caffè: i semi vengono dati in pasto ai pachidermi che li espellono dopo la digestione. Una “tostatura” naturale. Letteralmente. Una volta raccolti vengono ripuliti da alcuni artigiani. Durante il processo il caffè assume un aroma particolare. Il suo costo sfiora i 1100 dollari per chilogrammo.”

http://www.lastampa.it/2012/12/07/multimedia/societa/lazampa/thailandia-il-caffe-dall-elefante-alla-tazza-w72PkCqOdZeef1Qg5OW00H/pagina.html

Insomma, piuttosto una banalissima tazza di te, rigorosamente da una bustina,  prodotta nella maniera più tradizionale possibile.

Grazie.

iRoby


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*