Ipocrisia al potere

Ovvero l’inedita versione istituzionale di un movimento ipocritamente di protesta, ma predisposto ad occupare le sedie che contano.

Di Maio è un Arlecchino che vuole servire sempre più elettori possibili.

Conte è un Arlecchino che tra i due padroni ha scelto quello meno intelligente.

Per non dover competere.

Quello che è certo è che è emersa l’anima sinistrorsa del movimento cinque stelle.

Il movimento cinque stelle serve a transitare il Paese dalla democrazia cristiana al cattocomunismo.

Io sono pronto a fare il partigiano.

iRoby

 


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*