Potrebbe andare peggio?

L’Italia stentava a vivacchiare in un contesto economico e internazionale normale e tutto sommato benevolo nei suoi confronti.

La pandemia ha sensibilmente amplificato la competizione tra le nazioni e ridotto al lumicino le loro disponibilità alla tolleranza e alla solidarietà.


L’assenza contestuale di una leadership in grado di governare il Paese ha generato le condizioni per la tempesta perfetta verso la quale navighiamo a vista nella nebbia più profonda.

iRoby


Il triste mix

Un mix di maschere carnevaleche, prive di dignità politica e personale.

Sono quelle che coprono il viso di Giuseppe Conte, da quando ha indossato le vesti di Arlecchino, servitore di due padroni Di Maio e Salvini, per diventare Primo Ministro.

Lo ricordiamo nel felicitarsi per l’apporvazione di un decreto così come per la sua disapplicazione per ingraziarsi un nuovo padrone. con la stessa voce stridula.

Cambiano i padroni ma lui è sempre li al loro servizio farsi come canne al vento.

Indubbiamente un incassatore eccezionale, capace di specchiasi solo se con indosso una delle sue maschere.

Ora, per il Conte ter sembrerebbe essere pronta quella di Stenterello, per ingraziarsi Renzi.

Ma forse persino Stenterello è dotato di po’ di amor proprio.

iRoby