Sognavo questo momento

Il vigliacco delinquente comune ed assassino Cesare Battisti alla fine confessa tutto pur di poter aspirare ad una riduzione della pena.

Anche di avere rubato il Buondì Motta ad un suo compagno alle prima elementare.

Evidentemente il mojito offerto dal bartender del carcere di Oristano non è di suo gradimento.

Così facendo mette alla berlina tutti i sinistri del se e ma per cui il mai per me ex terrorista al limite era un compagno che aveva sbagliato ma non troppo.

Che marcisca nelle patrie galere, mi viene questa sera da urlare.

Il soccorso rosso che invocava il complotto politico e ha dato copertura internazionale al delinquente comune ed assassino Cesare Battista si fotta.

Si, si fotta.

Perché io sognavo questo momento e non voglio interrompere un orgasmo per essere politically correct.

iRoby

 


Maurizio Foddai

Il fatto che fosse un terrorista o un delinquente comune è del tutto irrilevante. Ha fatto fuori quattro persone, una in più di Igor il russo. Punto.
Le idee, contrariamente a quello che vorrebbero farci credere, non nobilitano nessuna delle azioni commesse da questo individuo.
E quegli sciagurati che hanno firmato a suo favore sono gli stessi che hanno avuto la sfrontatezza di trovare giustificazioni per l’autista dello scuolabus di Crema, dicendo che ha agito così per colpa del clima di razzismo.
I cosiddetti buonisti dei miei stivali.
Sempre loro.

enrico aliberti

Non mi sembra che venga difeso a sinistra. Semmai a sinistra c’è sempre un approccio diverso sulla persone che scontano pene, ma vale per tutti.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*